A cosa servono i sogni?

I sogni sin dall’antichità sono stati oggetto d’interesse e di mistero, infatti, molteplici sono stati i significati che i vari popoli gli hanno attribuito. Basti pensare che per gli Egizi essi rappresentavano “l’intromissione” degli dei nella vita degli umani o al più moderno Sigmunt Freud, che fece dell’interpretazione dei sogni la strada maestra verso l’inconscio.

Benessere psicologico Ascoli Piceno

Ma cosa c’è di vero e cosa no?e come si pongono i recenti studi rispetto a questo fenomeno così affascinante?

Mi piace ricordare, ogni qualvolta mi interesso ad un fenomeno che riguarda la nostra natura, che noi siamo frutto di un’evoluzione millenaria e che ogni funzione del nostro corpo è stata programmata perché funzionale alla nostra sopravvivenza.

Per questo vorrei utilizzare una metafora di Francine Shapiro: “Pensate a quando ci tagliamo con un coltello, il tessuto del nostro corpo si ripara naturalmente, a meno che non ci sia qualcosa che possa impedirlo. Il cervello fa parte del corpo, all’interno di esso ci sono milioni di neuroni e reti mnesiche che per dotazione genetica sono predisposte alla guarigione.”

Ma arriviamo al punto: il sogno viene elaborato dal cervello attraverso l’attivazione di queste reti mnesiche non in maniera casuale ma con uno scopo preciso, una sorta di “Risoluzione adattiva”. Mi spiego meglio, immaginiamo di aver discusso con vostra madre, forse provate rabbia, frustrazione… vi allontanate, pensate all’accaduto, ne parlate e andate a dormire. Il giorno dopo non sarete più così arrabbiati, avrete sostanzialmente digerito la situazione.

Ecco come il sistema di elaborazione del nostro cervello prende un’esperienza disturbante e la trasforma: gli scienziati ritengono che durante il sonno REM (Rapid Eye Movement) il cervello elabori il nostro vissuto traumatico, i desideri, le informazioni utili alla sopravvivenza, insomma tutto ciò che per noi è importante. Nel momento in cui avviene una corretta rielaborazione, la nostra esperienza dell’evento cambia, il nostro cervello immagazzina le informazioni utili e lascia andare ciò che non lo è. Dalla discussione il cervello naturalmente favorisce la rielaborazione delle emozioni spiacevoli che all’indomani saranno affievolite. I movimenti oculari, che hanno luogo durante il sonno REM favoriscano la stimolazione bilaterale del nostro cervello e l’attivazione delle reti neurali. Il ricordo dell’evento viene immagazzinato dal cervello in una forma che in futuro vi guiderà nel modo giusto. Per questo al risveglio ci sentiamo più sereni riguardo a certe situazioni della vita, il giorno dopo infatti saprete parlare a vostra madre senza farvi assalire dalla rabbia del giorno prima.

Il nostro sistema di elaborazione prende un’esperienza disturbante e favorisce il processo di apprendimento.

Tuttavia talvolta le esperienze vissute possono essere così sconvolgenti da non essere elaborate adeguatamente, queste rappresentano i traumi gravi.

Per questo può essere necessario il ricorso a tecniche di psicoterapia che favoriscano l’elaborazione corretta del ricordo traumatico, come ad esempio la terapia EMDR che, tenendo conto di tutti questi aspetti, facilitano la corretta riprocessazione utilizzando movimenti oculari o altre forma di stimolazione.

Per saperne di più visita la sezione: EMDR


Dott.ssa Letizia Silvestrini
Psicologa Psicoterapeuta a Ascoli Piceno

Dott.ssa Letizia Silvestrini Psicologa Psicoterapeuta
Ascoli Piceno

declino responsabilità | privacy e cookies | codice deontologico

Iscritta all’Albo Professionale degli Psicologi della regione Abruzzo n. 1952
Laurea in Psicologia Clinica Specializzata in Psicoterapia cognititiva e cognitivo-comportamentale
P.I. 01917050674

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2017 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Letizia Silvestrini
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it